post

I recordmen di scudetti consecutivi

Qualora il “nostro” Antonio Conte si confermasse in testa alla Premier League con il Chelsea, N’Golo Kanté potrebbe entrare nella ristretta cerchia dei “doppiatori” di titoli: per il centrocampista francesesi tratterebbe infatti del secondo in fila, dopo aver trionfato a sorpresa con il Leicester. In questo club riservato, sono però diveersi i nomi che possono vantare al momento l’iscrizione.

Su tutti Zlatan Ibrahimovic, il vero e proprio Re degli scudetti. Nel corso della sua carriera Zlatan ha vinto consecutivamente tre titoli in tre clubs diversi: Internazionale (2009), Barcellona (2010) e Milan (2011).

Altro eccellente iscritto è sicuramente, Eric Cantona. Per The King, prima di calcare con successo il terreno dell’Old Trafford,il trionfo in Ligue  1 con il Marsiglia  (1991), poi varcata la Manica per vincere in Premier League con il Leeds (1992) ed infine, dopo una trattativa di mercato, portare al successo il Manchester United (1993).

Tornando in Italia, Alexei Mikhailichenko, centrocampista degli anni 80-90 dell’URSS di Lobanovski, divenne campione con l’attuale compagine ucraina della Dynamo Kyiv nel 1990, poi contribuì allo scudetto della Sampdoria nella stagione 1990-91 ed infine, fatte le valigie subito dopo essersi cucito lo stemma sul petto, andò a conquistarsi il titolo in Scozia con i Rangers. Molto più recente la storia di Kingsley Coman: tripletta nel triennio 2014-16 con PSG, Juventus e Bayern Monaco.

Ma il primato spetta a Ivica Olic, tre titoli in tre clubs diversi in appena 18 mesi.  Olic fu MVP della stagione 2001-02 con NK Zagreb, quando vinse l’unico titolo della sua storia. Poi, una serie di beghe di calciomercato, lo spinsero ai rivali della Dinamo Zagabria (2002-03) e, senza un attimo di sosta, finì in estate in Russia al CSKA Mosca, vincendo nell’anno solare il campionato.