post

(Italiano) La formula matematica che spiega la lotteria dei rigori

Probabilmente leggere la formula prima dei rigori di Inter-Juventus poteva cambiare il risultato finale.

Il matematico Ben Lyttleton mise per iscritto nel libro “Twelve Yards: The Art and Psychology of the Perfect Penalty” (undici metri: l’arte e la psicologia del perfetto rigore) i risultati di uno studio statistico per svolgere al meglio l’esecuzione di un calcio dal dischetto.

In sostanza, è meglio per una squadra calciare per primo (60% di vittorie); è meglio per un calciatore tirare per la vittoria (92%) che per recuperare lo svantaggio e pareggiare all’ultimo tiro (62%)

La miglior angolazione per segnare è pari a 30° mentre per il portiere, se intende distrarre e confondere il rigorista al momento del tiro, dovrà aspettare per un range di tempo compreso fra 1.7-4.5 secondi prima di prendere posizione sulla linea.

Ad aggiungersi al dibattito statistico, ci ha pensato niente meno che l’illustre professore Stephen Hawking. Per aiutare la sua Inghilterra prima dei Mondiali 2014 in Brasile, Hawking redasse una complessa formula matematica: purtroppo però rimase inascoltata per cause di forza maggiore.

La nazionale dei Tre Leoni infatti, nel girone dell’Italia, venne eliminata al primo turno, con un solo punto e due sconfitte.

post

Fatti strani del calcio inglese

New technologies bring with them new ways of falling foul of the authorities. In January 2011 Ryan Babel became the first player to be punished for comments made on Twitter. The Liverpool striker was not too pleased with two decisions made by ref Howard Webb in the 1-0 FA Cup defeat by Manchester United at Old Trafford on Sunday January 9th 2011. In what was Kenny Dalglish’s first match back in charge of Liverpool the referee awarded United a penalty in the second minute, from which the winning goal was scored, and half an hour later sent off Steven Gerrard. Babel criticised the ref and posted a link to a doctored picture of Webb – wearing a Manchester United shirt! Babel admitted an FA charge of improper conduct and was fined £10,000 and was warned about his future conduct.

*********

In December 2003 Rio Ferdinand was banned from football and fined £50,000 for ‘failure or refusal to take a drugs test’. The Manchester United player had been asked to take a test on September 23rd at the clubs’ Carrington training ground but left without providing a urine sample. He claimed that he forgot as he was pre-occupied with moving house – and went shopping instead! After an unsuccessful appeal the 8 month ban ran from the end of January to the end of September 2004 and in addition to missing domestic competition the ban included international football and so he was absent from Euro 2004 in Portugal.

*********

Saturday January 6th 1990 was a great day for Cardiff City. Their FA Cup Third Round tie against Queens Park Rangers saw them bank record club record receipts for a match at Ninian Park – £50,517.75. Well, they would have banked it on Monday but sadly for Cardiff’s bank balance thieves broke into the safe over the weekend and pinched the lot!

*********
Liverpool’s Jamie Carragher was hit by a coin thrown from the crowd in an FA Cup 4th Round tie against Arsenal at Highbury on Sunday January 27th 2002. He threw it back into the crowd for which he was red-carded followed by a police warning, £40,000 club fine and three-match FA ban.

post

(Italiano) I fratelli Foerster: quando la somiglianza confuse l’arbitro

Nel calcio le furbate che la storia può annoverare sono molte: dalle simulazioni in campo di ogni tipo ai tesseramenti fasulli l’arco dei tentativi ideati e/o realizzati potrebbe riempire l’enciclopedia.

I fratelli tedeschi (ma non gemelli) Foerster, che militavano nello Stoccarda, utilizzarono la forte somiglianza, frutto dei soli due anni di differenza e dei lunghi capelli biondi che li contraddistinguevano in gioventù, per ingannare il direttore di gara nel corso del match di Coppa UEFA.

Stoccarda e Colonia si stavano affrontando il 26 novembre 1980 nell’andata di un derby fratricida degli ottavi di finale dell’allora competizione riservata ai clubs piazzati nei tornei nazionale. Il più giovane Karl Heinz, tra l’altro in rete nella partita, era già finito sul taccuino dell’arbitro svedese Rolf Eriksson per un cartellino giallo. Ad un successivo fallo compiuto dallo stesso, mentre la giacchetta nera stava per estrarre il secondo cartoncino che avrebbe decretato l’espulsione, il fratello Berndt si fece sotto mostrando il suo numero di maglia e salvando dunque il “piccolo” dall’onta del provvedimento disciplinare.

Tuttavia, negli spogliatoi, i due fratelli si vantarono con alcuni giornalisti “amici” del club bavarese del “colpo” riuscito; tanto bastò che le voci arrivarono alle orecchie dei dirigenti UEFA, che squalificarono entrambi dalla competizione per il gesto antisportivo.

Karl Heinz si beccò ben 5 turni di sospensione, scontando così anche l’espulsione non subita mentre il “salvatore” Berndt stette ai box per quattro partite. Purtroppo per loro, nel match di ritorno lo Stoccarda fu sconfitto per 4-1 dal Colonia, che ribaltò nei tempi supplementari il doppio confronto, eliminandoli dalla competizione.

I due fratelli Foerster militarono assieme nello Stoccarda fino al giugno 1986.