post

Accoppiata Mondiale per clubs-nazionali: la lista completa

Salire sul tetto del Mondo con la maglia della nazionale e del club di appartenenza: difficile? Scorrendo la lista non pare, ma campione di razza devi esserlo. Se la Coppa del Mondo ha visto come rinnovamento, oltre al cambio di trofeo, solo l’allargamento delle squadre partecipanti, il Mondiale per Club ha cambiato letteralmente fisionomia, passando dalla Coppa Intercontinentale, sfida a due fra i continenti sudamericano ed europeo, a vero e proprio torneo di una decina di giorni circa.

Per quanto riguarda gli allenatori, sono soltanto due i tecnici che possono vantare nel personale palmares la doppietta. Tre infine i casi di calciatori che sono riusciti a vincere il Mondiale per clubs con due compagini diverse.

Giocatore                      Coppa del Mondo         Intercontinentale/Toyota

==========================================================

 

William MARTINEZ                Uruguay (1950)                  Peñarol (1961)

GILMAR dos Santos Neves         Brasile (1958, 1962)          Santos(1962,1963)

MAURO Ramos                    Brasile (1958, 1962)           Santos (1962, 1963)

José Ely Miranda “ZITO”         Brasile (1958, 1962)         Santos (1962, 1963)

José Macias “PEPE”              Brasile (1958, 1962)         Santos (1962, 1963)

Édson A. Nascimento “PELÉ”      Brasile (1958, 1962, 1970)   Santos (1962, 1963)

MENGÁLVIO Figueiró              Brasile (1962)               Santos (1962, 1963)

Antonio Honório “COUTINHO”      Brasile (1962)               Santos (1962, 1963)

JAIR DA COSTA                   Brasile (1962)                Inter(1964, 1965)

PAULO CÉSAR “CAJU”              Brasile (1970)                 Grêmio (1983)

Karl-Heinz SCHNELLINGER         Germania (1974)               Milan (1969)

Sepp MAIER                     Germania (1974)            Bayern Monaco (1976)

Franz BECKENBAUER              Germania (1974)             Bayern Monaco (1976)

Hans-Georg SCHWARZENBECK       Germania (1974)             Bayern Monaco (1976)

GERD MÜLLER                    Germania (1974)             Bayern Monaco (1976)

Ulrich HOENESS                 Germania (1974)             Bayern Monaco (1976)

Hans-Josef KAPPELLMANN          Germania (1974)           Bayern Monaco (1976)

Rubén GALVÁN                    Argentina (1978)           Independiente (1973)

Ricardo Daniel BERTONI         Argentina (1978)             Independiente (1973)

Américo Rubén GALLEGO           Argentina (1978)            River Plate (1986)

Norberto ALONSO                 Argentina (1978)            River Plate (1986)

Antonio CABRINI                 Italia (1982)                    Juventus (1985)

Gaetano SCIREA                  Italia (1982)                    Juventus (1985)

Daniele MASSARO                 Italia (1982)                    Milan (1989)

Franco BARESI                   Italia (1982)                Milan (1989, 1990)

Ricardo BOCHINI                 Argentina (1986)      Independiente (1973, 1984)

Néstor CLAUSEN                 Argentina (1986)        Independiente (1984)

Ricardo GIUSTI                  Argentina (1986)           Independiente (1984)

Jorge Luis BURRUCHAGA           Argentina (1986)           Independiente (1984)

Nery Alberto PUMPIDO            Argentina (1986)             River Plate (1986)

Oscar Alfredo RUGGIERI         Argentina (1986)               River Plate (1986)

Héctor Adolfo ENRIQUE           Argentina (1986)             River Plate (1986)

Stefan REUTER                   Germania (1990)       Borussia Dortmund (1997)

Andreas MÖLLER                  Germania (1990)       Borussia Dortmund (1997)

Bodo ILLGNER                    Germania (1990)          Real Madrid (1998)

RAÍ Oliveira                    Brasile (1994)                São Paulo (1992)

Armelino Quagliato “ZETTI”      Brasile (1994)            São Paulo (1992, 1993)

Ronaldo Rodrigues “RONALDÃO”    Brasile (1994)            São Paulo (1992, 1993)

Luiz Antonio Costa “MÜLLER”     Brasile (1994)            São Paulo (1992, 1993)

LEONARDO Araújo                 Brasile (1994)            São Paulo (1993)

PAULO SÉRGIO Nascimento         Brasile (1994)              Bayern Monaco (2001)

Marcos Moraes “CAFU”            Brasile (1994, 2002)     São Paulo (1992, 1993),

                                                                                      Milan (2007)

RONALDO Nazário                 Brasile (1994, 2002)          Real Madrid (2002)

Didier DESCHAMPS                Francia (1998)                   Juventus (1996)

Zinedine ZIDANE                 Francia (1998)                     Real Madrid (2002)                       Christian KAREMBEU              Francia (1998)                Real Madrid (1998)

Bixente LIZARAZU                Francia (1998)              Bayern Monaco (2001)

ROGÉRIO CENI                    Brasile (2002)                  São Paulo (1993)

Oswaldo Giroldo “JUNINHO”       Brasile (2002)                  São Paulo (1993)

ROBERTO CARLOS Silva            Brasile (2002)          Real Madrid (1998, 2002)

Angelo PERUZZI                  Italia (2006)                    Juventus (1996)

Alessandro DEL PIERO            Italia (2006)                    Juventus (1996)

Iker CASILLAS                   Spagna (2010)                 Real Madrid (2002)

Thierry HENRY                   Francia (1998)                 Barcellona (2009)

Marcos André Santos “VAMPETA”   Brasile (2002)               Corinthians (2000)

Ricardo Luís Pozzi “RICARDINHO” Brasile (2002)               Corinthians (2000)

EDÍLSON Ferreira                Brasile (2002)               Corinthians (2000)

Luiz Carlos Goulart “LUIZÃO”    Brasile (2002)               Corinthians (2000)

Nélson de Jesus Silva “DIDA”    Brasile (2002)            Corinthians (2000),

                                                                                      Milan (2007)

ROGÉRIO CENI                    Brasile (2002)                 São Paulo (2005)

Jenílson Ângelo Souza “JÚNIOR”  Brasile (2002)                 São Paulo (2005)

Ricardo Izecson Leite “KAKÁ”    Brasile (2002)                   Milan (2007)

LÚCIO                           Brasile (2002)                   Inter (2010)

ÂNDERSON POLGA                  Brasile (2002)                Corinthians (2012)

Gennaro GATTUSO                 Italia (2006)                    Milan (2007)

Filippo INZAGHI                 Italia (2006)                    Milan (2007)

Alberto GILARDINO               Italia (2006)                    Milan (2007)

Alessandro NESTA                Italia (2006)                    Milan (2007)

Andrea PIRLO                    Italia (2006)                    Milan (2007)

Massimo ODDO                    Italia (2006)                    Milan (2007)

Marco MATERAZZI                 Italia (2006)                    Inter (2010)

Victor VALDÉS                   Spagna (2010)            Barcellona (2009, 2011)

Carles PUYOL                    Spagna (2010)            Barcellona (2009, 2011)

XAVI Hernández                  Spagna (2010)            Barcellona (2009, 2011)

PEDRO                           Spagna (2010)            Barcellona (2009, 2011)

Gerard PIQUÉ                    Spagna (2010)      Barcellona (2009, 2011, 2015)

Andrés INIESTA                  Spagna (2010)      Barcellona (2009, 2011, 2015)

Sergi BUSQUETS                  Spagna (2010)      Barcellona (2009, 2011, 2015)

Cesc FÁBREGAS                   Spagna (2010)                  Barcellona (2011)

David VILLA                     Spagna (2010)                  Barcellona (2011)

Javi MARTÍNEZ                   Spagna (2010)              Bayern Monaco (2013)

Iker CASILLAS                   Spagna (2010)              Real Madrid (2014)

SERGIO RAMOS                    Spagna (2010)              Real Madrid (2014)

Álvaro ARBELOA                  Spagna (2010)              Real Madrid (2014)

Manuel NEUER                    Germania (2014)            Bayern Monaco (2013)

Jerôme BOATENG                  Germania (2014)            Bayern Monaco (2013)

Mario GÖTZE                     Germania (2014)            Bayern Monaco (2013)

Philipp LAHM                    Germania (2014)            Bayern Monaco (2013)

THOMAS MÜLLER                   Germania (2014)            Bayern Monaco (2013)

Toni KROOS                      Germania (2014)            Bayern Monaco (2013),

                                                          Real Madrid (2014)

 

Sono infine due gli allenatori che sono riusciti nel binomio Coppa Mondiale, entrambi europei:

 

MARCELLO LIPPI                  Italia (2006)                 Juventus (1996)

VICENTE DEL BOSQUE         Spagna (2010)                 Real Madrid (2002)

post

Mondiali di calcio: le curiosità

Venti edizioni, 16 nazioni diverse ospitanti, 81 paesi partecipanti e solo 8 vincitori: questi i numeri in breve dei Mondiali di calcio. Ma la quasi 90-enne storia ha nei suoi almanacchi numerosi aneddoti, scopriamone qualcuno.

Il primo mondiale della storia, nel 1930 in Uruguay, fu l’unico ( e sicuramente per sempre) a disputarsi in un’unica città, Montevideo. Nel 1966 invece, l’Inghilterra, la nazionale padrona di casa, fu l’unica (tuttora) a disputare tutti e 6 gli incontri della fase finale in unico stadio, nel tempio di Wembley.

Il primo calciatore espulso in una partita dei Mondiali fu il peruviano Plácido Galindo, che nella sconfitta per 3-1 contro la Romania, nel 1930, venne allontanato dal campo. Il primo invece ad essere sanzionato con i cartellini giallo e rosso fu il cileno Carlos Caszely nel Mondiale di Germania del 1974.

I numeri sulle maglie dei calciatori vennero apposti soltanto a partire dai Mondiali di Svizzera nel 1954.

Sempre nell’edizione elvetica, vi fu la prima coppia di fratelli ad alzare al cielo la Coppa del Mondo: i tedeschi Fritz e Ottmar Walter. L’evento si ripeterà solo nel 1966 con Bobby e Jacky Charlton in Inghilterra.

Nel Mondiale del Cile nel 1962, la Spagna presentava nella rosa quattro giocatori di nazionalità differente da quella iberica: Alfredo Di Stéfano (argentino), Eulogio Martínez (paraguaiano), Ferenc Puskas (ungherese) e José Emilio Santamaría (uruguagio).

Nel primo dei due Mondiali italiani, nel 1934, gli azzurri presentarono in campo i primi oriundi della storia del calcio: Luis Monti, Raimundo Orsi, Enrico Guaita e Attilio Demaría infatti erano nati in Argentina, con ovvie discendenze italiane, una moda ormai ampiamente sviluppata nel calcio moderno.

post

Lo scandalo-Schalke 04 degli Anni Trenta

Essere banditi dal calcio nazionale per pochi spiccioli, questo il destino dello Schalke 04, il club della regione della Ruhr che negli Anni Trenta dominava il panorama del calcio teutonico.

Prima di essere un torneo professionistico, la Bundesliga nacque infatti solo nel 1963-1964, il caldo tedesco era basato su una serie di leghe regionali. Nella parte Ovest, il club emergente era senza dubbio il FC Gelsenkirchen-Schalke 04. La squadra infatti vinse in sequenza i tornei 1929 e 1930 ma, il 25 agosto 1930, la federazione locale bandì 14 giocatori della rosa per aver ricevuto pagamenti considerati illegali.

Dopo aver approfondito le indagini, le autorità federali trovarono le prove che il club aveva pagato i propri giocatori con ben (!!!) 10 Reichsmarks (il marco tedesco) superando la cifra limite di cinque. Il fatto, sebbene l’importo potrebbe apparire ridicolo, costituiva per l’epoca un oltraggio al senso civico. La Germania infatti si trovava in condizioni economiche disastrose e solo pochi mesi prima si erano tenute le ultime elezioni politiche libere, vinte dal partito nazista e che registrarono l’ascesa definitiva di Adolf Hitler al potere.

Non vi fu possibilità di appello per il club della Ruhr ed i giocatori, compresa la star Ernst Kuzorra, vennero squalificati per l’intera stagione 1930-31. Inoltre, otto dirigenti vennero sospesi mentre il tesoriere del club Willie Nier si suicidò nel pieno dello scandalo affogando volontariamente.

Fu una fase decisamente nera per il club che però, dopo un solo anno di purgatorio, tornò al trionfò nei due tornei successivi, 1932 e 1933.

Da quel momento, altri trionfi si aggiungeranno nella bacheca dei “minatori”, su cui spicca il successo nella Coppa Uefa 97-98 ottenuto ai danni dell’Inter ai rigori.

post

Quando l’Africa divenne Unity: la maglia unica (e rara)

L’idea di Puma di realizzare una maglietta unica per tutte le squadre dell’Africa parve la soluzione dei problemi (per i tifosi). L’azienda tedesca, nella primavera del 2010, anno del primo Mondiale nel continente Nero,  volle creare una maglia,una ed una sola, che potesse essere utilizzata dalle squadre africane nei matches internazionali.

Il Kit, chiamato Africa Unity, permetteva alle 14 squadre marchiate Puma di giocare dunque sotto un’unica bandiera. Sebbene la divisa fosse valida soltanto come terza maglia, per Camerún, Ghana, Costa d’Avorio, Algeria, Angola, Egitto, Mozambico, Togo, Tunisia, Senegal, Marocco, Burkina Faso, Madagascar e Namibia, esisteva la possibilità di concepire una maggior unità, almeno sotto il punto di vista calcistico.

I colori erano particolari e carichi di significato. La maglia era celeste, tinta che degradava scendendo verso il pantaloncino, nel marrone, colore identico per i calzettoni. Chiara l’allusione: l’azzurro era il cielo dell’Africa, che contrastava con il marrone, simbolo dell’aridità del suolo africano.

Secondo la dirigenza della marca di abbigliamento sportivo, tale tinta era l’unione dei colori del suolo di Camerun, Costa d’Avorio, Ghana e Sudafrica, che prendevano parte al mondiale, di li a pochi mesi. Il dorso ed il logo Puma invece erano dorati, ricordando dunque l’intensità del sole.

Nella parte alta della maglia invece, venne inserito il logo che rappresentava una mappa dell’Africa con due mani unite, lasciando la parte sinistra per inserire i loghi personali delle federazioni nazionali. Il pantaloncino presentava una rarità per l’abbigliamento tecnico: era doppio, quasi una seconda maglia. La vendita aveva prettamente scopo benefico: grazie agli introiti sarebbero stati finanziati diversi progetti in favore del continente, in particolar modo in difesa della fauna.

Puma però, fece male i conti: il progetto ambizioso venne prontamente messo in archivio in quanto si alzarono, e non in maniera velata, le critiche feroci relative al disegno della maglia, ritenuta limitativa del concetto di continente.

 

post

Inghilterra: il record di presenze in Manchester UTD-Arsenal del 1948

Parlare di stadi pieni in Inghilterra è cosa assai normale: ebbene, il 17 gennaio 1948, il massimo torneo inglese (l’attuale Premier League) vide stabilire il record assoluto pubblico sugli spalti. Ad assistere allo scontro Manchester United – Arsenal, terminato 1-1,  vi furono ben 83,260 persone.

Curioso che non fu l’Old Trafford ad ospitare la massa oceanica,  bensì furono i cugini del Manchester City, presso lo stadio di Maine Road a stabilire il primato poichè la casa dei Red Devils era in fase di ristrutturazione per i danni subiti nel corso della Seconda Guerra Mondiale.

La stagione interessata, 1947-48, vedeva i Red Devils al quarto posto, a nove punti dai Gunners capo-classifica ( vincitori all’andata ad Highbury) che poi trionferanno nel torneo lasciando allo United la FA Cup, piazzatisi poi secondi in classifica

Il primato del 17 gennaio 1948, tuttora resistente, è però “solo” al secondo posto nella All time inglese, battuto dagli 84,569 spettatori che affollarono gli spalti di Maine Road per il sesto turno di FA Cup fra Manchester City e Stoke City giocato il 3 marzo 1934.

Alla fine della stagione 2002-03, il Manchester City abbandonerà Maine Road dopo ben 80 anni, per trasferirsi nel nuovo stadio, oggi ribattezzato, per motivi di sponsorizzazione, Eithad Stadium. Ma ormai, i tempi delle folle oceaniche erano finiti da un pezzo, perchè la dirigenza dei Citizens nel corso degli anni provvedette all’abbattimento delle terrazze ed alla conseguente riduzione della capienza a soli 35,150, essendo stati aboliti i posti in piedi in rispetto delle norme di sicurezza.

Una volta demolito lo stadio nel corso del 2003, Noel Gallagher, membro fondatore degli Oasis e grande tifoso del Manchester City, acquistò mezza porta e due file di posti a sedere.

post

Italia-Croazia Under21: l’errore della bandiera della Serbia

A raccontarla parrebbe uno scherzo di pessimo gusto, considerate le pesanti implicazioni politiche, eppure accadde. Il match dell’autunno 1994, valido per le qualificazioni europee per il torneo Under 21 fra Italia e Croazia registrò un doppio errore organizzativo, uno che poteva causare un incidente diplomatico ed il secondo generare confusione in campo.

Era il 16 novembre 1994 quando allo stadio Marco Tommaselli di Caltanisetta , il bus della rappresentativa croata era appena giunto. Da copione, sui tre pennoni dell’impianto, erano issate la bandiere delle due compagini nonché quella dell’UEFA. Ma…..c’era un errore. Ebbene, la Croazia, sebbene avesse conquistato da alcuni anni l’indipendenza, si vedeva rappresentata dall’emblema della Serbia, un errore grave per le  terrificanti conseguenze che il conflitto bellico aveva provocato.

Sostituita prontamente la bandiera, era il momento di scendere in campo, ma qualcosa non quadrava. Entrambe le squadre indossavano infatti un completo bianco, sebbene gli slavi avessero optato inizialmente per il blu.

Il direttore di gara, come da regolamento, ordinò all’Italia di cambiarsi la divisa, ma l’originale azzurra non era stata portata. Allora non mancava che chiedere la disponibilità alla società ospitante l’incontro, il Nissa, compagine dell’Eccellenza siciliana, di fornire una muta. Tuttavia, anche le maglie da gioco erano bianche ed a questo punto si optò per la seconda divisa di colore rosso. Tuttavia il materiale si trovava presso il magazzino della dello Stadio Palmintelli, situato dalla parte opposta della città.

No problem, direbbero gli inglesi: un’auto dei vigili urbani si diresse in tutta al fretta presso il prezioso “caveau” per entrare in possesso delle maglie che avrebbero permesso agli azzurri di non subire la sconfitta a tavolino.

Nel frattempo, allo stadio la gente cominciava a spazientirsi, ma non mancò la fantasia agli organizzatori: la banda suonava “La società dei Magnaccioni” mentre il pubblico aspettava paziente, applaudendo perfino Matarrese.

Ottenute le preziose casacche, rosse, negli spogliatoi, con un pennarello, si provvedette a cancellare lo scudo giallorosso simbolo del Nissa.

Alla fine le Furie Rosse italiane vinceranno per 2-1, scavalcando in classifica la Croazia: l’Italia vincerà poi quell’edizione degli europei, guidata dall’indimenticabile Cesare Maldini in panchina.

post

Ungheria – El Salvador: il record di scarto di reti ai Mondiali

Non fu un sorteggio benevolo quello di Spagna 82: trovarsi nel girone Argentina (campione del mondo) e Belgio (vice-campione d’Europa), per Ungheria ed El Salvador il destino pareva già scritto. Dunque il match del 15 giugno 1982 era già una sorta di spareggio.

Ma allo stadio Elche, le 23mila persone che affollavano le tribune non sapevano ancora che avrebbero partecipato ad un match che tuttora rimane negli annali, ovvero la partita con il maggior scarto fra le due squadre, 10-1 !!!

Lo spirito con cui le due nazionali scesero in campo era completamente diverso: se i magiari aspiravano a rinverdire i fasti del passato, per i centroamericani la trasferta spagnola significava lasciare il proprio paese in piena guerra civile. Il dittatore Duarte, “appoggiato” dagli Stati Uniti, aveva vinto da poco le elezioni disertate dai partiti di sinistra. E nelle strade il conflitto era esploso, di casa in casa, con una sanguinosa guerriglia che sarebbe durata ben 12 anni.

Tuttavia la vita doveva andare avanti, almeno per i calciatori per i quali l’esperienza iridata in terra iberica avrebbe potuto rappresentare un momento di riscatto. A spegnare ogni velleità fu il punteggio record (in negativo) del primo match, che fece esplodere in patria le polemiche forti sull’operato degli atleti.

La stampa nazionale attaccò duramente la selezione, accusandola di boicottaggio e di essersi resi protagonisti di una vergogna su scala mondiale. I calciatori vennero aspramente criticati ed il giovanissimo portiere, il 17enne Luis el Negro Guevara Mora, pensò addirittura di abbandonare il calcio e non fare rientro in patria.

Qualche anno dopo, in un documentario, Mora racconterà quell’esperienza: “Se l’Ungheria ci sommerse di reti, non fu per la nostra codardia. Non fu per mancanza di coraggio, capitò perché eravamo una squadra di valore e perché queste cose avvengono con rarità, e l’incidente capitò proprio a noi.” Al suo ritorno in patria, venne minacciato più volte ed una sera addirittura, mentre era al volante, la sua auto venne raggiunta da alcuni colpi di mitragliatrice, per fortuna senza conseguenze estreme.

Tutt’altro fu la reazione emotiva El Pelé Zapata, autore dell’unico goal e che non si mostrò timido nell’esultare dopo la realizzazione, seppure il punteggio fosse già sullo 0-5: “Diversi miei compagni mi dissero di non fare troppe celebrazioni, perché avremmo potuto fare più reti e di fatto stettero tranquilli. Io invece lo festeggiai come se stessimo vincendo la partita”.

Sequenza delle reti
1-0 Nyilasi 4′
2-0 Pölöskei 11′
3-0 Fazekas 23′
4-0 Tóth 50′
5-0 Fazekas 54′
5-1 Ramirez 64′
6-1 Kiss 70′
7-1 Szentes 71′
8-1 Kiss 73′
9-1 Kiss 78′
10-1 Nyilasi 83′

Ungheria: Ferenc Mészáros – László Bálint, Győző Martos, Imre Garaba, József Tóth – Sándor Müller (69′ Lázár Szentes), Tibor Nyilasi (c), Sándor Sallai, László Fazekas – András Törőcsik (56′ László Kiss), Gábor Pölöskei.

El Salvador: Luis Guevara Mora – Mario Castillo, José Francisco Jovel, Jaime Chelona Rodríguez, Carlos Recinos – Norberto Huezo (c), José Luis Rugamas (Luis Ramírez Zapata), Joaquín Ventura, José María Rivas – Ever Hernández, Jorge Mágico González.

Il video di Ungheria-El Salvador (Mondiale di Spagna 82)

post

I fratelli Foerster: quando la somiglianza confuse l’arbitro

Nel calcio il tentativo di eludere l’avversario e l’arbitro esiste da quando è nato il calcio: dalle simulazioni in campo ai tesseramenti fasulli l’arco dei tentativi ideati e/o realizzati potrebbe riempire un libro intero.

I fratelli tedeschi, sebbene non gemelli, Foerster, che militavano nello Stoccarda, si fecero invece forte della loro somiglianza, merito di soli due anni di differenza e dei lunghi capelli biondi che li contraddistinguevano in gioventù, per ingannare la giacchetta nera nel corso di un match di Coppa UEFA.

Stoccarda e Colonia si stavano affrontando il 26 novembre 1980 nell’andata di un derby fratricida degli ottavi di finale dell’allora “terza coppa” continentale. Il più giovane Karl Heinz, che fu anche autore di una rete nel match, era già finito in precedenza sul taccuino dell’arbitro svedese Rolf Eriksson, essendosi fatto sventolare qualche minuto prima un cartellino giallo. Un successivo fallo portò il direttore di gara ad estrarre il secondo giallo e dunque a decretare l’ovvia espulsione, senonchè, all’istante il fratello Berndt “si fece sotto” mostrando il suo numero di maglia, salvando così il “minore” dal provvedimento.

Tuttavia, negli spogliatoi, i due fratelli non seppero far altro che vantarsi con alcuni giornalisti “amici” del club bavarese del “colpo” riuscito; tanto bastò che le voci giunsero dritte dritte alle orecchie dei dirigenti UEFA, che squalificarono entrambi dalla competizione per il gesto antisportivo.

Karl Heinz si beccò ben 5 turni di sospensione, scontando così anche l’espulsione non subita mentre il “salvatore” Berndt stette fermo ai box per quattro partite. Purtroppo per loro, nel match di ritorno lo Stoccarda fu sconfitto per 4-1 dopo i tempi supplementari dal Colonia, che seppe così ribaltare il risultato dell’andata, eliminandoli dalla competizione.

I due fratelli Foerster militarono assieme nello Stoccarda fino al giugno 1986.

post

Brasile: la volta che si vestì come il Boca Juniors

Non tutti sanno che il Brasile, noto oggi per essere soprannominato i verde-oro, inizialmente indossava una divisa assai diversa da quella attuale ed ormai storica: vestiva infatti in completo bianco, con leggeri rilessi azzurri. E tenne tale particolare scelta cromatica fino al 1952, quando poi assunse l’attuale e ben nota colorazione giallo-verde, altrimenti detta verdeamarela in spagnolo.

E la lingua “principe” del Sudamerica ebbe un senso quando, per una volta ed una soltanto, il Brasile si vide costretto ad indossare i panni classici del Boca Juniors, storico club dell’Argentina e spesso rivale nelle competizioni del continente. E l’occasione arrivò addirittura nella competizione principale per nazionali, la Coppa America 1937 che iniziò il 27 dicembre 1936.

A Buenos Aires, nel match inaugurale contro il Perù presso il Gasometro, il direttore di gara cileno Alfredo Vargas si trovò a dover risolvere un imprevisto: entrambe le squadre erano infatti di bianco vestite, con l’unica differenza che i peruviani presentavano la banda rossa tradizionale diagonale.

Urgeva una soluzione d’emergenza: i brasiliani dovettero rimediare al “pasticcio” indossando le magliette del club casalingo, l’Independiente di Avellaneda, dal colore sociale tipicamente rosso. Il cambio portò bene ai brasiliani che vinsero per 3-2.

Una settimana dopo, il 3 gennaio, l’ostacolo da superare era il Cile. Anche stavolta, il colore divenne il problema da risolvere, in quanto gli andini avevano la divisa interamente bianca. Essendo anche l’unico match che si doveva disputare nella casa del Boca Juniors, i brasiliani vollero rendere omaggio ai padroni di casa e scesero in campo con le divise degli xeneizes, azzurro ed oro e fu un’altra vittoria, un roboante 6-4.

La fortuna però si concluse di li a breve: nel match decisivo, i padroni di casa dell’Argentina superarono proprio il Brasile per 2-0 dopo i tempi supplementari, aggiudicandosi la 14-esima edizione del torneo continentale.

post

Il primo straniero del Real Madrid? Un portiere ungherese

La storia del Real Madrid è ricca di calciatori stranieri che hanno vestito la prestigiosa camiseta blanca: da campioni del calibro di Puskas, Di Stefano ai più recenti Zidane, Cristiano Ronaldo, Bale, oltre ad una miriade di talenti che non riuscirono a sbocciare completamente sotto le volte del Santiago Bernabeu. Ma chi fu il calciatore non-iberico ad indossare la prestigiosa maglietta? Un portiere ungherese!

Gyula Alberty, questo il nome del “primo”, era infatti nato a Debrecen, in Ungheria, il 4 luglio 1911, la seconda città più importante del paese magiaro, nei pressi del confine con la Romania. Fin da subito si mise fra i pali, iniziando la carriera in patria tra le fila Boksai SC, ma già nel 1934 sbarcò in Spagna per indossare i panni del Real Madrid, diventando ufficialmente il primo calciatore straniero ad avere questo onore.

Il suo acquisto venne deciso dalla dirigenza madrilena per sostituire niente di meno che un mito del calcio mondiale come Luis Zamora; con i blancos giocò due stagioni (20 partite in totale), vincendo due Coppa del Re, ma allo scoppio della Guerra Civile nel 1936, lasciò il paese iberico per trasferirsi in Francia al Le Havre.

Alla conclusione del conflitto, dopo un biennio, fece rientro in Spagna, giocando prima per il Real Unión de Irún, rimanendo solo un mese per poi passare al Racing de Ferrol. In Galizia giocò una finale di Coppa del Generalissimo, il trofeo intitolato al dittatore Franco, per poi trasferirsi al Celta Vigo, dove rimase per due stagioni.

Nel 1941 purtroppo firmerà il suo ultimo contratto con il Granada; da subito si conquistò le simpatie dei tifosi locali che rimanevano incuriositi dal fatto che durante gli incontri era solito mangiare arance o succhiarne il contenuto tramite una cannuccia, come raccontavano le cronache del tempo.

Si diceva addirittura che fossero gli stessi aficionados a regalare chili del dolce frutto mediterraneo allo spettacolare portiere ungherese, sempre pronto a stupire il pubblico per le sue parate.

Un anno dopo però, nella primavera del 1942, il suo stato di salute peggiorò improvvisamente: cominciò a soffrire dolori allo stomaco e poco dopo venne operato, senza però registrare alcun miglioramento. Il 9 aprile Alberty, a soli 31 anni morì. Le cause, secondo quello che scrisse in un articolo il giornalista locale Delgado, del decesso vennero imputate ad una lesione prodotta in conseguenza di uno scontro di gioco con il giocatore del Siviglia Campanal.

Altre fonti riportano invece che una febbre tifoidea, più nota come salmonellosi, originò la scomparsa di un calciatore che rimase nella storia del Real Madrid per essere stato il primo di una lunga serie di stranieri.

La sua tomba si trova a Granada, nel cimitero cittadino, dopo che il sindaco Gallego Burín gli diede sepoltura eterna.